Fair Play Finanziario

La A.S.Roma in tutti i suoi aspetti: società, squadra, partite e tutto ciò che riguarda i colori giallorossi.

Moderatore: SpiderMax

Fair Play Finanziario

Messaggioda principe101 » giovedì 25 settembre 2014, 22:48

Come comunicato dalla Uefa sul sito uefa.org, sono state aperte le indagini riguardante al rispetto del Fair Play Finanziario. Nel mirino, ci sono sette club, tra i quali Roma ed Inter. Gli altri, invece, sono Monaco, Besiktas, Kuban Krasnodar, Liveropool e Sporting Lisbona.

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Cellulare : 3392418282
Skype : principe101
MAIL : leonardo.bucarelli@gmail.com
Avatar utente
principe101
Fantacampione
 
Messaggi: 1451
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 20:17
Località: Subbiano (AR)

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda principe101 » giovedì 25 settembre 2014, 22:50

COMUNICATO AS ROMA: "Felici di aprire un dialogo costruttivo con la UEFA sul Fair Play Finanziario"
25 settembre 2014 19:59, di Marco Rossi Mercanti
fonte: asroma.it

La società giallorossa, attraverso il sito ufficiale asroma.it, ha diramato un comunicato riguardo il Fair Play Finanziario:

"AS Roma sostiene gli sforzi fatti fin qui dalla UEFA a favore del Financial Fair Play, al fine di garantire una stabilità finanziaria nel settore calcio: tutto questo è in perfetta sintonia con le nostre strategie societarie. Soltanto tre anni fa l'attuale proprietà ha rilevato un Club in evidente difficoltà economica e ha messo in chiaro sin da subito che la Società sarebbe stata gestita come un'azienda finalizzata a massimizzare i successi economici di pari passo con le prestazioni sportive. Siamo davvero orgogliosi dei traguardi economici e agonistici raggiunti nel breve termine e siamo ancora più ottimisti guardando al futuro che ci aspetta. Siamo felici di aprire un dialogo costruttivo con la UEFA su questo tema: siamo certi che verranno riconosciuti i risultati ottenuti finora e che la nostra politica societaria possa essere considerata un modello per futuri investimenti nel calcio europeo".

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Cellulare : 3392418282
Skype : principe101
MAIL : leonardo.bucarelli@gmail.com
Avatar utente
principe101
Fantacampione
 
Messaggi: 1451
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 20:17
Località: Subbiano (AR)

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda principe101 » giovedì 25 settembre 2014, 22:50

Bella risposta ma...stiamo rischiando sul serio? E quanto?

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
Cellulare : 3392418282
Skype : principe101
MAIL : leonardo.bucarelli@gmail.com
Avatar utente
principe101
Fantacampione
 
Messaggi: 1451
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 20:17
Località: Subbiano (AR)

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda carlomatt » venerdì 26 settembre 2014, 8:59

Questa storia è quantomeno demenziale: rompono le palle a noi e poi squadre come il Manchester City, il Real Madrid e PSG che sperperano miliardi non rischiano mai nulla. Da quello che ho letto sui giornali la Roma rischia al massimo una multa.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 14967
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda skivaz » venerdì 26 settembre 2014, 9:11

Ma le sanzioni al PsG e al Man City quest'anno, non era per questo?

possono avere Una Rosa ristretta in Champions - ragion per cui ad esempio Rabiot non e' stato inserito
Non è forte chi non cade mai ma colui che cadendo ha la forza di rialzarsi ( Johann Wolfgang Von Goethe)
skivaz
 
Messaggi: 2502
Iscritto il: lunedì 10 marzo 2008, 18:43
Località: LONDINIVM / VRBS

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda Ranieri » venerdì 26 settembre 2014, 11:25

Si le sanzioni previste sono multe salate, blocco del mercato e riduzione delle rose di Champions.
De Rossi: «A Pjanic vorrò sempre bene»
Avatar utente
Ranieri
Mago Euro
 
Messaggi: 4564
Iscritto il: lunedì 8 agosto 2005, 22:33
Località: Argentoratum

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda carlomatt » martedì 28 ottobre 2014, 17:10

As Roma, entra nel vivo la partita con la Uefa sul fair play finanziario

A ottobre, la "maggica" ha dovuto inviare maggiori informazioni sulla propria situazione finanziaria al Cfcb, l'organo di controllo sui bilanci, che potrà in un secondo momento "richiedere chiarimenti in contraddittorio per le valutazioni del caso". Pallotta potrebbe dovere aprire il portafogli
di CARLOTTA SCOZZARI


MILANO - Da adesso, sui bilanci delle società di calcio, non si scherza più: le squadre dovranno applicare il "fair play" non soltanto sul campo di gioco ma anche sul terreno finanziario. E tra queste c'è anche la As Roma, la cui partita sui propri numeri di bilancio è appena entrata nel vivo. I problemi per i club dai conti traballanti sono cominciati quando l'esecutivo della Uefa ha approvato, a livello europeo, un sistema di licenze per l'ammissione alle competizioni basato su tutta una serie di requisiti di natura sportiva, legale, infrastrutturale, organizzativa ed economica e finanziaria.

In particolare, il 18 maggio del 2012, il Comitato esecutivo della Uefa ha approvato il nuovo regolamento "club licensing and financial fair play regulations", entrato in vigore il primo giugno 2012 e che ha fissato i requisiti sportivi, legali, infrastrutturali, organizzativi ed economico finanziari ai quali i club si sarebbero dovuti uniformare entro la stagione 2013-2014, vale a dire la scorsa, al fine di partecipare alle competizioni europee per l'anno successivo, il 2014-2015. Il regolamento prevede un periodo di monitoraggio dell'andamento economico e finanziario delle società calcistiche per le stagioni sportive 2012-2013 e 2013-2014, al termine del quale il Cfcb (club financial control body), ossia l'organo di controllo dei club, valuta il possesso dei parametri prescritti dal fair play sui bilanci.

In base alle nuove regole, ciascun club deve presentare un bilancio consolidato, certificato da revisore esterno, che non presenti eccezioni relative alla continuità aziendale, un patrimonio netto non negativo a livello consolidato, non deve avere alcun debito scaduto verso i club, i dipendenti e/o le autorità sociali o fiscali, e deve rispettare la "break even rule" che prevede il pareggio di bilancio (inteso come la copertura delle spese con i propri ricavi per i due anni antecedenti ovvero, a regime, per i tre anni consecutivi precedenti la stagione per la quale si richiede la licenza Uefa).

Ora, il problema dell'As Roma è che il risultato aggregato del biennio 2011-2012 e 2012-2013 ha superato la soglia di un rosso di 5 milioni di euro, oppure 45 milioni in caso di ricapitalizzazione, definita dalla break even rule, senza contare che al 30 giugno il patrimonio netto consolidato dei giallorossi risultava negativo, nello specifico per 66 milioni (contro gli 82 dello stesso periodo del 2014).

Ecco perché, proprio nel mese di ottobre di quest'anno, la "Magica" ha dovuto inviare maggiori informazioni sulla propria situazione finanziaria al Cfcb, che a sua volta - come spiega la relazione annuale sul bilancio dell'As Roma al 30 giugno appena depositata - potrà in un secondo momento "richiedere eventuali chiarimenti in contraddittorio per le valutazioni del caso". Tuttavia, chiarisce ancora il club giallorosso, "non essendo predeterminata una automatica applicazione di una sanzione a fronte di una violazione, e a maggior ragione quale tipo di sanzione, non è oggi prevedibile quale decisione sarà assunta dal Cfcb alla conclusione degli approfondimenti". Insomma, non è chiaro se l'arbitro alla fine fischierà un fallo oppure no.

Le regole stabiliscono che l'organo di controllo della Uefa, al termine del periodo di monitoraggio, possa applicare uno dei seguenti provvedimenti: avvertimento, ammonizione, multa fino a 100mila euro, oppure può optare per il deferimento del caso alla camera arbitrale. Quale sorte toccherà alla Roma allenata da Rudi Garcia? Al momento non è dato sapere, perché la partita è aperta. Al punto che, si legge sempre nella relazione annuale di bilancio, "non è possibile prevedere se in futuro i requisiti per il rilascio della licenze Uefa saranno rispettati, né escludere che al fine di soddisfare i requisiti occorrenti vengano richiesti ai soci ulteriori mezzi finanziari". Gli azionisti, insomma, sono avvisati, e in particolare il primo socio americano James Pallotta (attraverso il veicolo Neep Roma holding).
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 14967
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda fedro_on_the_moon » martedì 28 ottobre 2014, 19:25

Altro esempio di giornalismo(?) pessimo per non dire altro


Sent from my iPhone using Tapatalk
roma - brasile 1, roma - resto del mondo 1, lazio - merda x"... (Lorenzo)
Avatar utente
fedro_on_the_moon
 
Messaggi: 5052
Iscritto il: mercoledì 18 maggio 2005, 18:49
Località: Cambridge, UK

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda caligola » martedì 28 ottobre 2014, 20:27

Ma quanto gli tira il culo a juvemilaninter che da tre anni siamo gli unici a fare mercato e a comprare i giocatori che ci servono subito e pure giovani prospetti pagandoli bei milioni? Sono finiti i bei tempi quando Rosella non spendeva un tibo e prendeva quel che gli passavano i padroni baciando l'anello... :patpat:
"Io prendo la mia preda, la colloco qui, mi reco in posti solitari, a cooontatto con la naturaaaa, la distendo su queste morbide poltronee... e pò ma' n'groppo! Alé, sotto un'altra!"
Avatar utente
caligola
Moderatore
 
Messaggi: 6632
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 14:16
Località: Legio V Gaunica Auxiliares

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda caligola » venerdì 6 ottobre 2017, 17:42

Roma, sforato il Fair Play Finanziario. Dall'Uefa dovrebbe arrivare una multa

La società ha ufficializzato di essere oltre i parametri imposti dall'Uefa, ma nessuno teme,e il blocco del mercato. Stipendi: Monchi oltre il milione, Baldissoni prende più di gandini. E Gerson è costato 20 milioni...

Nessuno, a Trigoria, teme il blocco del mercato, al massimo una sanzione economica. Ma la Roma ha ufficializzato oggi come siano stati sforati i parametri del Fair Play Finanziario e, pertanto, la società dovrà inviare alla Uefa maggiori informazioni. “Si segnala - la nota pubblicata dalla Roma . che il risultato economico conseguito al 30 giugno 2017, unitamente ai risultati dei due precedenti esercizi, si presenterà oltre la soglia prevista dall’Accordo transattivo per questo solo parametro”. Quale? “L’impegno a raggiungere il pareggio di bilancio. Per questo, la società sarà presumibilmente soggetta all’invio alla Uefa di maggiori informazioni economico finanziarie e successivamente l’Organo di controllo europeo potrà richiedere eventuali chiarimenti”.

SANZIONI — La Roma però si dice tranquilla, anche se ufficialmente non si sbilancia: “Non essendo predeterminata un’automatica applicazione di una sanzione a fronte di questo tipo di violazione, e a maggior ragione quale tipo di sanzione, non è oggi prevedibile quale decisione potrà essere assunta alla conclusione degli eventuali approfondimenti”.

STIPENDI E COMMISSIONI — Intanto, sempre con il bilancio approvato il 30 giugno, la Roma ha reso noti gli stipendi dei dirigenti (non Totti, che era ancora calciatore) e anche il dettaglio di alcune operazioni di mercato. Monchi guadagna un milione e centomila euro lordi più, eventualmente, un altro milione e mezzo, sempre lordo, di bonus. Gandini, l’ad, guadagna 663.000 euro e non ha bonus, mentre al direttore generale Baldissoni vanno 752.000 euro più un premio annuo di 250.000 legato ai risultati. Per quanto riguarda i calciatori, infine, si scopre che il brasiliano Emerson, titolare a sinistra nell’ultimo anno, è stato pagato 2 milioni e 122mila euro più 70mila euro di commissioni, mentre Gerson, che da dicembre all’inizio della nuova stagione non ha mai giocato, è costato 18.6 di cartellino più un milione e mezzo di commissione. Per quanto riguarda i nuovi, invece, Gonalons è costato 5 milioni di cartellino e 3.2 di commissioni, mentre Moreno 5 milioni e 750mila euro più 950mila di commissione. Pellegrini aveva un prezzo fissato di recompra a 10 milioni a cui se ne sono aggiunti più di 3 di commissioni, mentre Bruno Peres, dopo il riscatto, è costato in tutto al club giallorosso 13 milioni e 219mila euro.

gazzetta.it


La gazzetta è solerte a fare un articolo sulla Roma che non supera il FPF... indagini sul Milan ed i suoi buffi o sul bilancio creativo dell inter no eh...
"Io prendo la mia preda, la colloco qui, mi reco in posti solitari, a cooontatto con la naturaaaa, la distendo su queste morbide poltronee... e pò ma' n'groppo! Alé, sotto un'altra!"
Avatar utente
caligola
Moderatore
 
Messaggi: 6632
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 14:16
Località: Legio V Gaunica Auxiliares

Re: Fair Play Finanziario

Messaggioda carlomatt » lunedì 9 ottobre 2017, 9:20

Ovviamente non dice che l'Inter ad agosto non ha potuto comprare nessuno perchè non poteva spendere neanche un euro ma pare che il problema della Roma nasca dal rifiuto di Manolas ad andare allo Zenit: i soldi che avrebbe incassato sarebbero stati superiori a quelli successivamente incassati per la cessione di Rudiger e quindi sono venuti a mancare quel paio di milioni buoni per rientrare appieno.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 14967
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley


Torna a La Roma

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 3 ospiti

cron