Roma Milan 0-2

La A.S.Roma in tutti i suoi aspetti: società, squadra, partite e tutto ciò che riguarda i colori giallorossi.

Moderatore: SpiderMax

Roma Milan 0-2

Messaggioda thedice » domenica 25 febbraio 2018, 23:59

Avanti il prossimo allenatore. Dopo sta figura de merda credo nn si possa fare altrimenti. Delusissimo da Eusebio, pensavo fosse la persona giusta, mi sono fatto fregare dalla partenza sprint e dalla novità ma alla prima difficoltà la Roma si è sgretolata. Insicuro e fragile nel cambiare atteggiamento al cambiare del vento, senza dare un’impronta chiara. Quando vinco catenaccio quando perdo tutti avanti con risultati sempre pessimi. Imbarazzanti all’ennesima potenza oggi. È evidente che i giocatori nn credono in quello che fanno e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
The Dice
Immagine
Avatar utente
thedice
Mago del Forum 2013/14
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2005, 11:10
Località: Ostia Lido

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda agente19 » lunedì 26 febbraio 2018, 9:13

Ad allenatori invertiti finiva 4-0 per noi.
Gattuso sa il fatto suo e, cosa fondamentale, mette grinta ai suoi giocatori. O corrono o li mangia vivi!
Agente19
Paolo Lorenzini
Avatar utente
agente19
Mago del forum
 
Messaggi: 4363
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2005, 7:36
Località: Castellina in Chianti

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda carlomatt » lunedì 26 febbraio 2018, 10:57

Sono sei mesi che la Roma non ha uno straccio di gioco e per di più Eusebio Di Francesco non ha la più pallida idea di come si attacca una difesa schierata. A questo aggiungiamo il fatto che quando si trova sotto nel risultato non sa fare altro che inserire punte esattamente come faceva Carlitos Bianchi, ma se togli i centrocampisti chi dà i palloni agli attaccanti? Bisogna prendere atto dell'inadeguatezza di Di Francesco a certi livelli perchè un conto è guidare il Sassuolo formato da sconosciuti e che gioca esclusivamente in contropiede, in casa e fuori ed un altro è guidare una squadra piena di nazionali senza dare una propria impronta di gioco.
Rispetto all'anno scorso non c'è un solo giocatore che sta giocando meglio, forse il solo Alisson ma solo perchè ad ogni partita viene preso a pallonate, gente come Manolas, Kolarov, Nainggolan, Dzeko, Perotti, El Sharaawy, Strootman, De Rossi, Florenzi etc. sono l'ombra di loro stessi ed in parte è colpa loro ma chi glielo fa fare di rompersi il culo per arrivare in Champions quando a giugno saranno in altri lidi a guadagnare di più?
Ieri sera, dopo un primo tempo nel quale il Milan non ha fatto un solo tiro ma dove neanche noi abbiamo messo in difficoltà Donnarumma & co. al primo pallone entrato nella nostra area abbiamo preso il gol e la Roma è sparita dal campo, vaporizzata.
Esattamente come in Ucraina ed in tante, troppe occasioni.
A questo punto io non so più cosa fare o dire, l'unica cosa che posso fare è evitare accuratamente di vedere altre partite della Roma perchè mi rovina l'umore ed è uno spettacolo davvero brutto e deprimente. La società faccia quello che vuole: cambi allenatore, giocatori, dirigenti, tanto non hanno la minima idea di come affrontare e risolvere la situazione, se Pallotta dice che il problema a Roma sono le radio vuol dire che non capisce, non vuole capire oppure gli riportano delle informazioni sbagliate.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15333
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda ygghur » lunedì 26 febbraio 2018, 13:06

Partita sconcertante come poche, non mi viene altra parola. Il paradosso é che lo sconcerto viene anche dal fatto che questa squadra alla fine non sbraca mai del tutto e non capisco il perché. Questa ambiguitá impedisce anche di tracciare una linea inequivocabile sulle responsabilitá (intendo quelle dirette, quelle indirette sono tutte della dirigenza), allenatore e giocatori devono ovviamente dividersele, ma non sono comvinto di chi ne abbia di piú. Non mi convince neanche la tesi dei giocatori che non credono nel progetto, a me sembra che l unica spiegazione plausibile sia da trovarsi nel ceorto circuito fra condizione fisica e condizione psicologica: finché la Roma correva, non mi pare che la squadra non credesse nell'allenatore, le vittorie arrivavano e tutti sembravano contenti; arriva il calo fisico, I risultati vengono meno ed arriva anche il calo psicologico, da quell momento I due piani si sovrappongono e si intersecano e nessuno credo possa capire quali dei due sia prevalente nel generare una prestazione sconcertante come quella di ieri. Eusebio Di Francesco potrá pure essere inadeguato (il mio giudizio é sospeso per le molte attenuanti) ma credo che anche il suo piú acerrimo critic sa benissimo che il prossimo ne seguirá la sorte, ognuno lo fa alla sua maniera, c'é chi prende una bella imbarcata di goal in una sola partita, chi si tiene la testa sconsolato, chi si trova l amante molto piú giovane, la fine é sempre la stessa e lo sará anche in future se non cambia il modo di condurre la societá.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda Ciccio Pallino » martedì 27 febbraio 2018, 12:17

ygghur ha scritto:Partita sconcertante come poche, non mi viene altra parola. Il paradosso é che lo sconcerto viene anche dal fatto che questa squadra alla fine non sbraca mai del tutto e non capisco il perché. Questa ambiguitá impedisce anche di tracciare una linea inequivocabile sulle responsabilitá (intendo quelle dirette, quelle indirette sono tutte della dirigenza), allenatore e giocatori devono ovviamente dividersele, ma non sono comvinto di chi ne abbia di piú. Non mi convince neanche la tesi dei giocatori che non credono nel progetto, a me sembra che l unica spiegazione plausibile sia da trovarsi nel ceorto circuito fra condizione fisica e condizione psicologica: finché la Roma correva, non mi pare che la squadra non credesse nell'allenatore, le vittorie arrivavano e tutti sembravano contenti; arriva il calo fisico, I risultati vengono meno ed arriva anche il calo psicologico, da quell momento I due piani si sovrappongono e si intersecano e nessuno credo possa capire quali dei due sia prevalente nel generare una prestazione sconcertante come quella di ieri. Eusebio Di Francesco potrá pure essere inadeguato (il mio giudizio é sospeso per le molte attenuanti) ma credo che anche il suo piú acerrimo critic sa benissimo che il prossimo ne seguirá la sorte, ognuno lo fa alla sua maniera, c'é chi prende una bella imbarcata di goal in una sola partita, chi si tiene la testa sconsolato, chi si trova l amante molto piú giovane, la fine é sempre la stessa e lo sará anche in future se non cambia il modo di condurre la societá.


C'e poco da capirci, siamo in una fase di confusione mentale a volte chiamata "Psychological Splitting"; non una doppia personalità ma una così sdoppiata da non capire chi veramente siamo. Se vogliamo giocare psicologicamente ed entrare nella testa dei calciatori, si potrebbe speculare pensando che la mancanza di appartenenza a lungo raggio a questa società abbia generato una mancanza di sacrificio e senso di lotta a cui Paolo accenna in questo topic. Guardate che questo ci sta e tutto, quindi se alla prima difficoltà subentra immediatamente un feeling di quasi menefreghismo per le future sorti, non lamentiamoci più di tanto. La politica dell'americano Cacini e i suoi amici mangiatori a sbavo come il peggiore dei "Beggars Banquet" ( disco epico dei Stones... :D ) ha portato a questo, era solo questione di tempo e solo i più stolti non capivano che gestendo così non solo si arriva al nulla totale, ma ci hanno tolto anche quella immagine di "pugili suonati", ma che di tanto in tanto, sferrano il pugno da K.O. alla Rocky e si godono qualche momento di gioia. No, con sto commerciante fariseo siamo da un decennio nel buio totale....schifato ai massimi.

Che piaccia o no poi il paragone con i cugini poveri arriva innegabilmente. Questo Inzaghi mi ricorda il Radice della Roma che arrivo 3^ per poi essere sacrificato per far posto a Bianchi. Senza fare e strafare costruì una squadra solida dove quei pochi dai piedi buoni facevano di più dei semplici portatori di palla. la lazie non ha una squadra di campioni, ma 3/4 elementi di vero valore e il gioco si basa su di loro. Immobile poi, in puro stato di grazia ( o forse e' forte davvero) fa il resto.

DIFra centra si, ma relativamente. Navigare in acquee mai tranquille ti fa affondare prima o poi, ci sono passati 10 anni di allenatori prima di lui, quindi il trend è quello, c'e poco da fare. Finche avremo questi commercianti laidi, da qui non si cambia. Gli allenatori vincenti non vengono a bruciarsi da noi.
Ciccio
Imperatore d'Oriente

Finche se magna, se viaggia e se canta, va tutto alla grande!
http://www.youtube.com/user/renzobkk
Is not about the final destination. It is all about the journey !
Avatar utente
Ciccio Pallino
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: mercoledì 18 maggio 2005, 18:05
Località: Bangkok

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda ygghur » martedì 27 febbraio 2018, 12:29

Soprattutto gli allenatori vincenti chiedono due cose semplicissime ma impossibili da avere qui: ingaggio elevatissimo e garanzie sulla campagna acquisti (la seconda anche piú difficile della prima). Per questo motivo Di Francesco era e rimane una delle opzioni quantomeno meno peggio e non a caso NESSUNO dei suoi criticoni ha saputo trovare un nome alternativo compatibile con le note condizioni, cioé un allenatore di seconda fascia. Sono totalmente d'accordo con un articolo del Messaggero di oggi, la Societá, se esiste una cosa con questo nome, ha solo due strade per rapportarsi a Di Francesco: o lo caccia o lo blinda responsabilizzando I calciatori, qualsiasi traccheggiamento non avrebbe senso. D'altro canto, quasi nulla ha senso nella conduzione societaria della Roma, per cui...
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda thedice » martedì 27 febbraio 2018, 12:50

La perdita di qualsiasi obiettivo ti fa perdere la motivazione e il credere in quello che fai. E' ovvio che è successo questo, finchè si vinceva e si credeva in quello che si faceva si andava anche a londra a ribaltare uno 0-2 mentre alla prima serie di difficoltà ci siamo sciolti. Il mister prima ha fatto l'integralista, poi ha assecondato un cambio di modulo in cui non crede, poi ha iniziato a mettere punte a cazzo e a fare catenacci senza senso, ovvio che così si perde il bandolo della matassa. Si va dietro ai senatori, e poi i senatori ti sfanculano. Il problema è la mancanza di una via chiara e il vuoto di potere che c'è proprio in generale a livello societario. Tutti si sentono di passaggio nella Roma, e uno che si sente di passaggio di sicuro non da il massimo in quello che fa, la mancanza di motivazioni è e resta il principale motore di qualsiasi sport, sennò nn si spiegano imprese come quelle del crotone che si salva avendo una media punti migliore della roma negli ultimi mesi dello scorso anno. Il problema è che tutto sa di deja vu, alla batosta segue la reazione, ma dura poco. Un po' quello che è successo dopo il 26 maggio, potevo allenare pure io, sicuro avrei fatto gli stessi risultati di garcia, poi dopo l'appagamento il crollo. Ci vuole uno che tenga la tensione alta, che sia bravo o meno incide il giusto...
Nel frattempo noi ci deprimiamo perchè nn se vede luce
The Dice
Immagine
Avatar utente
thedice
Mago del Forum 2013/14
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2005, 11:10
Località: Ostia Lido

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda ygghur » martedì 27 febbraio 2018, 13:02

Ci vuole un cambiamento radicale di strategie societarie, altrimenti l'allenatore puó essere anche un algoritmo. Sará un caso, viene poi da riflettere in aggiunta, che anche un'altra squadra con proprietá straniera per lo piú assente abbia dei problemi molto simili?
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda carlomatt » martedì 27 febbraio 2018, 14:44

ygghur ha scritto:Ci vuole un cambiamento radicale di strategie societarie, altrimenti l'allenatore puó essere anche un algoritmo. Sará un caso, viene poi da riflettere in aggiunta, che anche un'altra squadra con proprietá straniera per lo piú assente abbia dei problemi molto simili?


Di chi parli, del Milan, del Bologna, dell'Inter, del Venezia? E come mai le squadre inglesi (oramai quasi tutte di proprietà straniera) non hanno gli stessi problemi?
Il problema grosso della Roma è che la strategia sportiva, cioè arrivare a vincere qualcosa, è secondaria rispetto alla strategia finanziaria e che soprattutto è assolutamente deleterio il messaggio che in questa società tutti i giocatori sono in vendita in tutte le sessioni di mercato, come si può pretendere che i giocatori rimangano concentrati sugli obiettivi stagionali quando magari la mattina successiva ti arriva la notizia che la tua società è in trattativa per venderti? Allora, a questo punto è inutile avere il secondo monte ingaggi della serie A quando ogni anno sei costretto a cedere un paio di pezzi grossi. E ' la strategia che è sbagliata!
Altro esempio: Monchi. E' stato preso perchè è il più bravo nello scovare potenziali campioni? No, è stato preso perchè nel Siviglia ha fatto fare centinaia di milioni di plusvalenze! Lui trova giocatori da vetrina, che spesso coincidono con giocatori bravi ma che spesso non sono giocatori utili al gioco di un allenatore che magari in quel ruolo voleva un altro tipo di calciatore.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15333
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Roma Milan 0-2

Messaggioda ygghur » martedì 27 febbraio 2018, 15:16

carlomatt ha scritto:
ygghur ha scritto:Ci vuole un cambiamento radicale di strategie societarie, altrimenti l'allenatore puó essere anche un algoritmo. Sará un caso, viene poi da riflettere in aggiunta, che anche un'altra squadra con proprietá straniera per lo piú assente abbia dei problemi molto simili?


Di chi parli, del Milan, del Bologna, dell'Inter, del Venezia? E come mai le squadre inglesi (oramai quasi tutte di proprietà straniera) non hanno gli stessi problemi?
Il problema grosso della Roma è che la strategia sportiva, cioè arrivare a vincere qualcosa, è secondaria rispetto alla strategia finanziaria e che soprattutto è assolutamente deleterio il messaggio che in questa società tutti i giocatori sono in vendita in tutte le sessioni di mercato, come si può pretendere che i giocatori rimangano concentrati sugli obiettivi stagionali quando magari la mattina successiva ti arriva la notizia che la tua società è in trattativa per venderti? Allora, a questo punto è inutile avere il secondo monte ingaggi della serie A quando ogni anno sei costretto a cedere un paio di pezzi grossi. E ' la strategia che è sbagliata!
Altro esempio: Monchi. E' stato preso perchè è il più bravo nello scovare potenziali campioni? No, è stato preso perchè nel Siviglia ha fatto fare centinaia di milioni di plusvalenze! Lui trova giocatori da vetrina, che spesso coincidono con giocatori bravi ma che spesso non sono giocatori utili al gioco di un allenatore che magari in quel ruolo voleva un altro tipo di calciatore.


Beh, non a caso l ho messa come aggiunta e ovviamente mi riferivo specificamente all'Inter, dato che per il Milan é troppo presto per giudicare e le altre sono troppo mediocri per esserci una differenza fra le due situazioni. Per il resto ovviamente sono d'accordo con te al 100%, visto che sei tu ad essere d'accordo con le mie posizioni di sempre. C'é da dire che siamo anche sfortunati, se mi si passa il termine, perché ad esempio Monchi, preso per I motivi da te addotti, almeno al Siviglia ha fatto vincere qualche coppetta, potresti forse ricordarti che quando arrivó formulai proprio questo augurio, cioé che fosse arrivato uno che cercava di fare media fra esigenze finanziarie (primarie) e sportive, invece purtroppo Monchi si é istantaneamente sabatinizzato e romanisticizzato e dunque fa solo bene I cazzi di Pallotta. Il quadro che ne esce é desolante: non serve cambiare DS, allenatore, giocatori finché non cambia la strategia societaria. Fra l altro ho la netta impressione che questo fatto di avere in monte ingaggi alto non sia neanche un male necessario per queste misteriose strategie, deve esserci un motivo specifico, che io non riesco a capire, per cui la Roma DEVE avere un monte ingaggi alto, forse qualche magheggio contabile (lecito) o forse una questione di immagine per poter alzare il prezzo quando si vende, non mi intendo di queste cose, ma mi sembra chiaro che non hanno alcun interesse a risparmiare sugli ingaggi e, a dire la veritá, neanche sugli acquisti, visti I prezzi assurdi pagati per certe mezze calzette.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone


Torna a La Roma

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron