Mercato invernale 2018

La A.S.Roma in tutti i suoi aspetti: società, squadra, partite e tutto ciò che riguarda i colori giallorossi.

Moderatore: SpiderMax

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda ygghur » giovedì 1 febbraio 2018, 16:35

Ciccio Pallino ha scritto:
ygghur ha scritto:A Cí, se ti avesse preso come consulente avrebbe senza dubbio stabilito un rapporto schietto con la tifoseria romanista che a quel punto gli avrebbe perdonato quasi qualsiasi cosa. Purtroppo per lui (e per noi) é stato mal consigliato sulla facilitá dell affare stadio, sulle difficoltá del vincere in Italia e sula natura del tifoso romanista: riguardo alla prima cosa non so chi sia il colpevole, riguardo alle altre due lo so e vive a Londra dove fa il Gagá ben pagato per consulenze per lo piú inutili (tanto di cappello per come si sa vendere).



Mah...non ci voleva un genio per dargli quelle basi di consigli per un sano....Bon Ton Romano.... era proprio il minimo....

Come dice una battuta di un film che adoro, HEAT:
All kinds of shit. But I don't have to sell this, and you know it. 'Cause this kind of shit here sells itself.
Ecco... due 3 consigli e avrebbe affrontato il rapporto in maniera differente.

Il Dandy-Gaga, che ammiravo come tanti di noi romanisti, si e' rilevata una delusione epocale....


Beh, da uno che la prima cosa che fa dirigente romanista é dare del pigro a Totti, che cosa ti puoi aspettare di buono? Molto del male della Roma Americana viene da lui, Pallotta ha sbagliato a fidarsi, ma onestamente non sapendo un cazzo di niente di qualcuno si doveva pur fidare e lui lo ha consigliato male in tutti gli aspetti possibili e immaginabili e ha fatto delle scelte che si sono ripercosse in maniera esiziale, se invece di cominciare con un allenatore (allora) carneade e con una sottospecie di utopia di gioco, avesse cominciato con un allenatore navigato che sapesse traghettare la vecchia Roma verso il nuovo, forse adesso staremmo facendo discorsi diversi, tanto per dirne una.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda ygghur » giovedì 1 febbraio 2018, 16:39

Beh, forse si sta anche lui preparando l'eventuale uscita e non vuole passare per l'unico cazzaro.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda thedice » venerdì 2 febbraio 2018, 11:34

L'orgoglio personale, quando si è messi alle strette, spesso ha il sopravvento rispetto a quello che devi dire per contratto. Monchi, Di Francesco, Baldissoni stesso (però lui è più paraculo e navigato per cascarci...te la intorta bene e a supercazzole è fenomenale) si lasciano scappare tra una cosa e l'altra qualche dettaglio che ti fa capire il quadro generale.

Sono stato anche troppo ottimista pur avendo sgamato dall'inizio il concetto di fondo, pensavo che fosse conciliabile il business personale con il progresso tecnico della società, purtroppo allo stato attuale sono molto disilluso e sulla stessa linea di pensiero di Ciccio.

La modernizzazione della Roma era necessaria e lo stadio sarà fondamentale, ma il business a tutti i costi non è adatto a questa città e questa tifoseria, non verrà mai capito, una tifoseria basata sulla passione non la puoi convincere che il FFP sia la via e che una plusvalenza valga più dell'attaccamento alla maglia o del progetto tecnico.

Il problema più grosso poi è la presa per il culo...a un romano puoi dire quello che ti pare, ma non lo pijà per culo...che poi è la fine...e io penso che a forza de prese per culo lo stadio diventerà una contestazione costante che per toglierla ce vuole minimo lo scudetto...

Mala tempora currunt
The Dice
Immagine
Avatar utente
thedice
Mago del Forum 2013/14
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2005, 11:10
Località: Ostia Lido

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda Ciccio Pallino » venerdì 2 febbraio 2018, 12:08

thedice ha scritto:L'orgoglio personale, quando si è messi alle strette, spesso ha il sopravvento rispetto a quello che devi dire per contratto. Monchi, Di Francesco, Baldissoni stesso (però lui è più paraculo e navigato per cascarci...te la intorta bene e a supercazzole è fenomenale) si lasciano scappare tra una cosa e l'altra qualche dettaglio che ti fa capire il quadro generale.

Sono stato anche troppo ottimista pur avendo sgamato dall'inizio il concetto di fondo, pensavo che fosse conciliabile il business personale con il progresso tecnico della società, purtroppo allo stato attuale sono molto disilluso e sulla stessa linea di pensiero di Ciccio.

La modernizzazione della Roma era necessaria e lo stadio sarà fondamentale, ma il business a tutti i costi non è adatto a questa città e questa tifoseria, non verrà mai capito, una tifoseria basata sulla passione non la puoi convincere che il FFP sia la via e che una plusvalenza valga più dell'attaccamento alla maglia o del progetto tecnico.

Il problema più grosso poi è la presa per il culo...a un romano puoi dire quello che ti pare, ma non lo pijà per culo...che poi è la fine...e io penso che a forza de prese per culo lo stadio diventerà una contestazione costante che per toglierla ce vuole minimo lo scudetto...

Mala tempora currunt


Eorum Causae.....
davvero.... bastava che qualcuno gli spiegasse Pro & Contro..... sto beota...
Ciccio
Imperatore d'Oriente

Finche se magna, se viaggia e se canta, va tutto alla grande!
http://www.youtube.com/user/renzobkk
Is not about the final destination. It is all about the journey !
Avatar utente
Ciccio Pallino
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: mercoledì 18 maggio 2005, 18:05
Località: Bangkok

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda agente19 » venerdì 2 febbraio 2018, 12:27

Roma, città (e società) aperta: dallo sponsor al mercato, il racconto del confronto con la stampa
Ieri nella sala conferenze di Trigoria, oltre tre ore di colloquio con Baldissoni, Gandini e Monchi

Parliamone. A cuore aperto e senza il filtro dell'ufficialità. Questo ha fatto ieri la Roma. Ospitando nella sala conferenze una buona parte della stampa nazionale e romana. Presenti l'amministratore delegato Umberto Gandini (prima che un imprevisto non lo costringesse a salutare), il Direttore Generale Mauro Baldissoni, il Direttore Sportivo Monchi. Obiettivo spiegare. Soprattutto aprirsi a una controparte, la stampa, con cui negli ultimi anni i rapporti sono stati più conflittuali che amichevoli, sperando che questa apertura possa essere trasmessa ai tifosi che, poi, sono i soli che contano. Sono state oltre tre ore di confronto, discussioni, domande, suggerimenti, consigli, chiarimenti. Se ne sentiva la necessità. Una cosa romanista. E una cosa romanista non può mai essere negativa. Mauro Baldissoni, con tanto di pennarello e lavagna, ha assunto anche il ruolo di professore. Cercando di sottolineare le problematiche del passato, le esigenze del presente, le prospettive per il futuro. Ribadendo quello che ventiquattro ore prima aveva dato alle stampe nel corso di un'intervista radiofonica. In sintesi: la disastrosa eredità trovata è stata alla base delle difficoltà con cui ci si deve ancora confrontare, le plusvalenze sono una necessità, non solo della Roma, almeno fino a quando non ci sarà lo stadio a dare ossigeno a un monte ricavi che fatica a crescere e che rischia di pagare pedaggio nel momento in cui venissero a mancare i proventi Champions. C'è stata la conferma di come si sia ormai vicini a trovare uno sponsor, così come di un Pallotta che se pure volesse firmare assegni con tanti zeri (fermo restando i soldi che ha già messo) il problema economico non potrebbe essere risolto.

Si è parlato anche di mercato. Scoprendo come la Roma abbia rifiutato una sostanziosa offerta per El Shaarawy (il Napoli). Come siano state rispedite al mittente altre proposte per giocatori importanti (Strootman, Manolas), non Nainggolan perché i cinesi non hanno mai bussato a Trigoria se non attraverso un mediatore italiano. Si è toccata con mano la serenità con cui è stato accolta la permanenza di Dzeko che, nel caso, sarebbe stato sostituito più da Giroud che da Batshuayi, ancor meno da Ferreira Carrasco del quale la Roma aveva chiesto il costo sentendosi rispondere 45 milioni e a quel punto adios. E, pure, di come per ora non siano arrivate offerte per Alisson, cosa che non può che farci piacere. Ecco, è stato un incontro per la Roma. Magari sarebbe auspicabile che in futuro si ripetesse. Ci permettiamo solo un consiglio: perché non spiegare tutto questo anche ai tifosi? Con serenità e chiarezza per ricreare una simbiosi che oggi non c'è più. Servirebbe ritrovarla. Perché nessuno è la Roma più dei suoi tifosi.
Agente19
Paolo Lorenzini
Avatar utente
agente19
Mago del forum
 
Messaggi: 4363
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2005, 7:36
Località: Castellina in Chianti

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda ygghur » venerdì 2 febbraio 2018, 12:34

Purtroppo da sempre gli uomini di potere, che giá sbagliano per cazzi loro, sono spesso rovinati dai cattivi consiglieri e Pallotta ha avuto SOLO cattivi consiglieri per quanto riguarda tutto ció che non é plusvalenza. Uno si immagina che qualche mentecatto tipo Tacopina gli abbia descritto da una parte la possibilitá di in facile business e dall altra un'ambiente romano da trattare come pezze da piedi, tutti pigri ed altri luoghi comuni del genere, poi la mazzata finale l'ha data il Dandy londinese, mentre Nuvola di Fumo é stato l utile idiota che peró li ha fregati tutti perché si é fatto in bel mucchietto di cazzi suoi. Come se ne esce? Non se ne esce se non si mettono in testa di cambiare il Sistema basato sulle plusvalenze, cosa che sembra molto improbabile, perché per motivi che a noi sfuggono ma che di sicuro esistono (intend oltre quelli palesi), non é che non abbiano adottato in altro Sistema per fare contenti I tifosi, ma perché in lungo risanamento graduale avrebbe creato loro dei problem di imagine o altro. In sintesi ribadisco in concetto da me espresso quasi da subito: per loro la perfezione dei risultati sportive é arrivare tutti gli anni secondi o terzi, o comunque abbastanza da andare in CL, senza vincere mai perché sconvolgerebbe I piani, la EL e la CI viste come marchette da togliersi dalle scatole. Sarebbe stupido negare che con il Sistema delle plusvalenze il livello calcistico non é mai sceso troppo in basso e la cosa va anche apprezzata, ma una volta scoperto il giochetto, cioé il fatto che non é propedeutico come volevano farci credere (personalmente mai creduto) ma in Sistema chiuso che non porta da nessuna parte, io credo che dal primo all ultimo tifoso preferirebbe rischiare la lotta per non retrocedere pur di avere la speranza che l obiettivo di vincere qualcosa fosse perseguito con intento.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda ygghur » venerdì 2 febbraio 2018, 12:40

agente19 ha scritto:Roma, città (e società) aperta: dallo sponsor al mercato, il racconto del confronto con la stampa
Ieri nella sala conferenze di Trigoria, oltre tre ore di colloquio con Baldissoni, Gandini e Monchi

Parliamone. A cuore aperto e senza il filtro dell'ufficialità. Questo ha fatto ieri la Roma. Ospitando nella sala conferenze una buona parte della stampa nazionale e romana. Presenti l'amministratore delegato Umberto Gandini (prima che un imprevisto non lo costringesse a salutare), il Direttore Generale Mauro Baldissoni, il Direttore Sportivo Monchi. Obiettivo spiegare. Soprattutto aprirsi a una controparte, la stampa, con cui negli ultimi anni i rapporti sono stati più conflittuali che amichevoli, sperando che questa apertura possa essere trasmessa ai tifosi che, poi, sono i soli che contano. Sono state oltre tre ore di confronto, discussioni, domande, suggerimenti, consigli, chiarimenti. Se ne sentiva la necessità. Una cosa romanista. E una cosa romanista non può mai essere negativa. Mauro Baldissoni, con tanto di pennarello e lavagna, ha assunto anche il ruolo di professore. Cercando di sottolineare le problematiche del passato, le esigenze del presente, le prospettive per il futuro. Ribadendo quello che ventiquattro ore prima aveva dato alle stampe nel corso di un'intervista radiofonica. In sintesi: la disastrosa eredità trovata è stata alla base delle difficoltà con cui ci si deve ancora confrontare, le plusvalenze sono una necessità, non solo della Roma, almeno fino a quando non ci sarà lo stadio a dare ossigeno a un monte ricavi che fatica a crescere e che rischia di pagare pedaggio nel momento in cui venissero a mancare i proventi Champions. C'è stata la conferma di come si sia ormai vicini a trovare uno sponsor, così come di un Pallotta che se pure volesse firmare assegni con tanti zeri (fermo restando i soldi che ha già messo) il problema economico non potrebbe essere risolto.

Si è parlato anche di mercato. Scoprendo come la Roma abbia rifiutato una sostanziosa offerta per El Shaarawy (il Napoli). Come siano state rispedite al mittente altre proposte per giocatori importanti (Strootman, Manolas), non Nainggolan perché i cinesi non hanno mai bussato a Trigoria se non attraverso un mediatore italiano. Si è toccata con mano la serenità con cui è stato accolta la permanenza di Dzeko che, nel caso, sarebbe stato sostituito più da Giroud che da Batshuayi, ancor meno da Ferreira Carrasco del quale la Roma aveva chiesto il costo sentendosi rispondere 45 milioni e a quel punto adios. E, pure, di come per ora non siano arrivate offerte per Alisson, cosa che non può che farci piacere. Ecco, è stato un incontro per la Roma. Magari sarebbe auspicabile che in futuro si ripetesse. Ci permettiamo solo un consiglio: perché non spiegare tutto questo anche ai tifosi? Con serenità e chiarezza per ricreare una simbiosi che oggi non c'è più. Servirebbe ritrovarla. Perché nessuno è la Roma più dei suoi tifosi.


Personalmente non mi faccio fregare da questa finta trasparenza che mi sembra quella dei grillini (e ho detto tutto!). La spiegazione di quello che hanno dovuto fare continua poi ad essere non convincente perché c'era un'altra strada, quella del risanamento graduale e degli acquisti mirati che poteva raggiungere gli stessi scopi con uno sforzo infinitamente ridotto e con una chiarezza che sarebbe stata apprezzata da tutti I tifosi della Roma e non dello Stadio.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda Ciccio Pallino » venerdì 2 febbraio 2018, 13:57

agente19 ha scritto:Roma, città (e società) aperta: dallo sponsor al mercato, il racconto del confronto con la stampa
Ieri nella sala conferenze di Trigoria, oltre tre ore di colloquio con Baldissoni, Gandini e Monchi

Parliamone. zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
C'è stata la conferma di come si sia ormai vicini a trovare uno sponsor, così come di un Pallotta che se pure volesse firmare assegni con tanti zeri (fermo restando i soldi che ha già messo) il problema economico non potrebbe essere risolto.

Si è parlato anche di mercato. zzzzzzzzzzzz.
Ci permettiamo solo un consiglio: perché non spiegare tutto questo anche ai tifosi? Con serenità e chiarezza per ricreare una simbiosi che oggi non c'è più. Servirebbe ritrovarla. Perché nessuno è la Roma più dei suoi tifosi.


Foto fatta alla riunione
Immagine


Casso...na vorta era facile carica le foto....

nota di Caligola : A Ci'... tra [img]ed[/img] devi mettere il link della foto... quello che finisce per .jpg :patpat: :mrgreen:
Ciccio
Imperatore d'Oriente

Finche se magna, se viaggia e se canta, va tutto alla grande!
http://www.youtube.com/user/renzobkk
Is not about the final destination. It is all about the journey !
Avatar utente
Ciccio Pallino
 
Messaggi: 3594
Iscritto il: mercoledì 18 maggio 2005, 18:05
Località: Bangkok

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda carlomatt » domenica 4 febbraio 2018, 11:43

ygghur ha scritto:Purtroppo da sempre gli uomini di potere, che giá sbagliano per cazzi loro, sono spesso rovinati dai cattivi consiglieri e Pallotta ha avuto SOLO cattivi consiglieri per quanto riguarda tutto ció che non é plusvalenza. Uno si immagina che qualche mentecatto tipo Tacopina gli abbia descritto da una parte la possibilitá di in facile business e dall altra un'ambiente romano da trattare come pezze da piedi, tutti pigri ed altri luoghi comuni del genere, poi la mazzata finale l'ha data il Dandy londinese, mentre Nuvola di Fumo é stato l utile idiota che peró li ha fregati tutti perché si é fatto in bel mucchietto di cazzi suoi. Come se ne esce? Non se ne esce se non si mettono in testa di cambiare il Sistema basato sulle plusvalenze, cosa che sembra molto improbabile, perché per motivi che a noi sfuggono ma che di sicuro esistono (intend oltre quelli palesi), non é che non abbiano adottato in altro Sistema per fare contenti I tifosi, ma perché in lungo risanamento graduale avrebbe creato loro dei problem di imagine o altro. In sintesi ribadisco in concetto da me espresso quasi da subito: per loro la perfezione dei risultati sportive é arrivare tutti gli anni secondi o terzi, o comunque abbastanza da andare in CL, senza vincere mai perché sconvolgerebbe I piani, la EL e la CI viste come marchette da togliersi dalle scatole. Sarebbe stupido negare che con il Sistema delle plusvalenze il livello calcistico non é mai sceso troppo in basso e la cosa va anche apprezzata, ma una volta scoperto il giochetto, cioé il fatto che non é propedeutico come volevano farci credere (personalmente mai creduto) ma in Sistema chiuso che non porta da nessuna parte, io credo che dal primo all ultimo tifoso preferirebbe rischiare la lotta per non retrocedere pur di avere la speranza che l obiettivo di vincere qualcosa fosse perseguito con intento.


Non sono per niente d'accordo, secondo te l'ideale sarebbe una politica tipo lazio? Piazzamenti mediocri, ritrovarsi per caso in finale di coppa Italia, qualche coppetta di nessun valore ogni tanto e basta. Io preferisco ascoltare l'inno della Champions, vedere la Roma giocare con i top club europei e togliermi ogni tanto qualche soddisfazione. Mi piace vedere la Roma giocare per la testa del campionato e soprattutto tifare per la mia squadra e non per gli avversari come fanno quelli là. Il problema è che nella Roma ci sono decine di dirigenti ed alla fine non comanda nessuno, ci vorrebbe un amministratore delegato che faccia il capo della Roma, che sia lui l'interfaccia principale con i giocatori e con la stampa e che, essendo ben pagato ci metta la faccia tutte le domeniche. Invece abbiamo il Ceo, il Direttore Generale, il Direttore Amministrativo, il Direttore Sportivo, etc. Ah, guardando sul sito della Roma, alla voce "Organigramma" ho scoperto che abbiamo anche un Amministratore Delegato, che è Umberto Gandini, uno che non ho mai sentito parlare e soprattutto uno che non c'ha mai messo la faccia, mai! Se Pallotta doveva scegliere un amministratore delegato io gli avrei fatto scegliere qualcuno tipo Luciano Gaucci, che prende a calci i giornalisti che sparlano della squadra e che manda i giocatori in ritiro negli hotel ad una stella dopo una sconfitta.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15333
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda ygghur » lunedì 5 febbraio 2018, 16:05

Non potendo palesemente diventare in VERO top-club, a malincuore dico che sí, mi starebbe bene una Roma che si conduce piú o meno come la lazzie, piuttosto che una che fa finta di voler/poter essere in top-club ma nella realtá mette solo su in giro di soldi e giocatori. Chi si é divertito di piú negli ultimi anni secondo te, noi o loro? E non parlo solo di vittorie in sé e/o di finali disputate, parlo proprio di vedere una squadra compatta, fatta con criterio, con qualcosa che ancora si puó chiamare senso di appartenenza, anche in stagioni magari opache ma svolte con dignitá. 'L'ho detto e lo ripeto: la lazzie é la nuova Roma e la cosa mi dá veramente molto, molto fastidio, anche perché noi ovviamente non diventeremo mai la nuova Juve. Essere tifosi romanisti nell'era-Pallotta é stato ed é uno studio sulla frustrazione umana e nulla lascia minimamente intravvedere che le cose possano cambiare di una virgola. Qualcuno potrebbe ricordare quando in vile pessimista affermava che avrebbe firmatio per arrivare allo scudetto nel 2018/19: beh, pare proprio che quel pessimista fosse in ottimista senza saperlo! Chi scommetterebbe in euro bucato su una Roma che vince uno scudetto finché il Presidente é Pallotta? Io no di certo.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda carlomatt » giovedì 1 marzo 2018, 10:24

Il Consiglio di Amministrazione di A.S. Roma, riunitosi il 28 febbraio, ha approvato il Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 31 dicembre 2017.

Questo il resoconto per i trasferimenti dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori

Nel corso della sessione estiva della campagna trasferimenti della stagione sportiva 2017/18, effettuata dal 1 luglio al 31 agosto 2017, la Società ha continuato ad investire per l’acquisizione di diritti alle prestazioni sportive di calciatori. In particolare, sono stati acquisiti a titolo definitivo i diritti alle prestazioni sportive relativi ai calciatori Kolarov e Under, mentre per i calciatori Defrel e Schick sono stati inizialmente sottoscritti contratti di acquisto a titolo temporaneo, rispetto ai quali dopo la conclusione del Semestre e prima della data della presente Relazioni si sono verificate le condizioni contrattuali previste che impongono di trasformare l’acquisto temporaneo in definitivo. Si ricorda inoltre che nel mese di giugno 2017 erano già state definite le operazioni di acquisizione a titolo definitivo dei diritti relativi ai giocatori Gonalons, Karsdorp, Moreno e Lorenzo Pellegrini.

Sono state anche definite le cessioni a titolo temporaneo dei diritti relativi ai calciatori Ponce, Gyomber e Seck, e sono state ceduti a titolo definitivo i diritti relativi a Vainqueur. Inoltre, per il calciatore Silva Duarte (Mario Rui), è stato definito un contratto di cessione a titolo temporaneo, con obbligo di conversione a titolo definitivo, avvenuto nel corso del semestre a seguito del verificarsi delle sottostanti condizioni contrattuali. Tali operazioni si aggiungono alle cessioni a titolo definitivo definite nel mese di giugno 2017, relative ai calciatori Salah, Rudiger, Paredes, Frattesi e Marchizza. Inoltre, nella sessione estiva sono state definite le cessioni a titolo temporaneo dei diritti relativi ai calciatori Zukanovic, Doumbia e Iturbe, rispetto ai quali dopo la conclusione del Semestre e prima della data della presente Relazione si sono verificate le condizioni contrattuali previste che impongono alle Società cessionarie di trasformare l’acquisto temporaneo in definitivo. Infine, nel corso del Semestre, sono stati prolungati i contratti economici per le prestazioni sportive dei calciatori Manolas fino al 30 giugno 2022, Nainggolan, Perotti e Abdullahi Nura fino al 30 giugno 2021 e di Fazio e Castan, fino al 30 giugno 2020.



Quindi Doumbia, Zukanovic, Mario Rui ed Iturbe ceduti a titolo definitivo, quattro pesi tolti dallo stomaco.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15333
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda thedice » giovedì 1 marzo 2018, 19:08

Rinnovato castan ?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
The Dice
Immagine
Avatar utente
thedice
Mago del Forum 2013/14
 
Messaggi: 4303
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2005, 11:10
Località: Ostia Lido

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda ygghur » venerdì 2 marzo 2018, 9:50

Castan uno di noi! Ma Nura esiste o é un ologramma?
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9607
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Mercato invernale 2018

Messaggioda carlomatt » venerdì 2 marzo 2018, 12:45

Castan ha semplicemente spalmato l'ingaggio in modo che possa essere pagato dal Cagliari fino a giugno e poi da chiunque altro voglia assicurarsi le sue prestazioni calcistiche. In quanto a Nura ora è in prestito al Perugia, ma non so se sia stato mai impiegato.
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15333
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Precedente

Torna a La Roma

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron