Le parole di Totti su Facebook

La A.S.Roma in tutti i suoi aspetti: società, squadra, partite e tutto ciò che riguarda i colori giallorossi.

Moderatore: SpiderMax

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda SpiderMax » lunedì 29 maggio 2017, 20:36

La cosa più bella della sua ultima partita è stata che non si è trattata di una mera passerella, ma a 40 anni suonati Francesco ha dato il suo contributo in una vittoria al cardiopalmo. Giornata assolutamente romanista, in tutto e per tutto. Allo stadio siamo tutti scoppiati in lacrime, come poteva essere altrimenti? Mi fanno sorridere oggi i commenti dei tanti intelligentoni che non capiscono, o ritengono esagerate certe reazioni. Roma è questo, e Totti per noi non è soltanto un calciatore, ma molto molto di più.

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk
Creo que he visto una luz al otro lado del rio...
Avatar utente
SpiderMax
Amministratore
 
Messaggi: 3777
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 3:18
Località: Ostia Lido

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda agente19 » lunedì 29 maggio 2017, 22:16

Come ha scritto ieri qualcuno si internet "Oggi molti non capiranno e noi non proveremo a spiegare. Perché spiegare è impossibile".
Io così ho zittito i tanti che ci hanno dato di esaltati, esagerati, e commenti del genere.
Loro non possono capire e io non ci perdo il tempo a spiegare.
Ma a dire il vero ci sono anche tanti amici che mi hanno confessato di invidiarci, di sognare un giocatore nato, cresciuto e fedele a Firenze e alla Fiorentina. Gli ho portato l'esempio di Antognoni ma non basta, non è nato a Firenze, vorrebbero anche loro un Totti fiorentino ma sanno che di Totti ce n'è uno solo e per fortuna era nella Roma!
Agente19
Paolo Lorenzini
Avatar utente
agente19
Mago del forum
 
Messaggi: 4270
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2005, 7:36
Località: Castellina in Chianti

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda ygghur » martedì 30 maggio 2017, 8:51

Molti romanisti dicono che tutto l'affetto che adesso sembra circondare Totti anche dai non romanisti sia finto, dopo anni di sbertucciamenti ed altro, io invece penso che sia sincero, che tutti davvero in questo momento si stiano rendendo conto di che cosa stanno perdendo. Onestamente, ma dove lo trova un lazziale un nemico cosí carismatico da odiare di santa ragione (e segretamente invidiare, come mi confermi)? Dove lo trova uno juventino un acerrimo avversario che nobilita I suoi successi (vincere contro la Roma di Totti non é come vincere contro la Roma di Caio Sempronio)? Dove lo trovano I pennivendoli di tutta italia uno come lui da usare in tutti modi possibili ed immaginabili? Mancherá a tutti, ma proprio tutti, speriamo che fra 5 o 6 anni si senta parlare di un altro Totti, d'altronde I figli d'arte a volte sono perfino meglio dei padri (vedi Maldini), perché non sognare?
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9303
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda thedice » martedì 30 maggio 2017, 11:19

Perchè questa città di merda il povero Christian lo sfonderebbe...e poi quando hai visto Dio...non pensi di poter vedere qualcosa di più.
The Dice
Immagine
Avatar utente
thedice
Mago del Forum 2013/14
 
Messaggi: 4165
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2005, 11:10
Località: Ostia Lido

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda ygghur » martedì 30 maggio 2017, 11:41

Beh, con l'esperienza pregressa ed il buon senso della famiglia, io credo che Cristian, se veramente le doti che mostra a 12 anni saranno confermate crescendo, potrebbe vivere la sua carriera in maniera diversa da quella del padre e resistere alle molte pressioni. Non resta che aspettare, tanto non é che nel frattempo succederanno cose epiche...
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9303
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda carlomatt » domenica 4 giugno 2017, 10:34

Su "Il fatto quotidiano" ho trovato un bell'articolo su Totti, leggermente diverso dai soliti, vale la pena perderci un paio di minuti.

Totti: solo per amore. Attenzione però, non quello che pensate voi

di Simone Perotti | 1 giugno 2017

Prima di leggere queste righe dovreste vedere i due video linkati in fondo al testo. Vi avvicinereste allo stato d’animo giusto per seguire queste poche parole. Che però sono necessarie. Direi, perfino, doverose. Non c’entra niente che amiate il calcio o no, come non dovete necessariamente ammirare la boxe per amare e soprattutto comprendere la storia di Muhammad Alì, o la vela per sognare con quella di Bernard Moitessier, o l’atletica per emozionarvi con Pietro Mennea e ci aggiungerei perfino altre storie, che so già che farebbero arricciare il naso, come Mujica, Guevara e molti altri. Seguitemi, non cominciate a pensare: sto parlando dell’emozione delle storie. Penserete dopo, se vorrete. La storia ha a che fare con il talento e con le scelte. Dunque, dal mio punto di vista, con l’ambizione: quella vera, santa, buona, cioè l’ambizione di essere amati generando emozione, che spinge i cuori veri e puri a immolarsi (senza neppure dover morire, per altro). Seguitemi.

Nel calcio esistono i buoni calciatori; poi ci sono i campioni; poi ci sono i fuoriclasse. Questi ultimi associano talento, fisico, voglia di vincere, cervello, umiltà. Per questo sono fuoriclasse. Ne nascono pochissimi, in relativo sul numero degli atleti. Fanno cose speciali, con una naturalezza disarmante. La sorte ha dato loro un dono inestimabile, possono avere tutto, chiedere qualunque cosa e l’avranno. E loro che fanno? Ma fanno quel che tutti noi facciamo! Scelgono. Onore, gloria, trofei, soldi… oppure, qualcos’altro.

Francesco Totti l’ho visto giocare molte volte. Valeva il prezzo del biglietto da solo, anche se era della squadra avversaria, come nel mio caso. Mai sono uscito dallo stadio senza dire: “Accidenti, ma hai visto cosa ha fatto Totti?!” e lo dicevo con l’ammirazione più pura, e anche con una domanda inespressa, che restava dentro di me: “Perché?”. Perché un fuoriclasse come lui non aveva cambiato squadra capitalizzando la sua fama di asso del calcio? Ha rifiutato molte offerte, le migliori! Perché non ha cercato squadre che potessero valorizzare il suo talento più della Roma, quelle con soldi a palate, dove giocano solo i migliori, e che finiscono sempre prime in ogni competizione? Perché non ha capito che se avesse giocato nel Real, nel Milan di qualche anno fa, nella Juve, sarebbe stato titolare per 20 anni nella nazionale italiana, vincendo forse due o tre mondiali? Non che guadagnasse poco, Totti: 2,5 milioni l’anno, ma niente rispetto ai 78 di Ronaldo, ai 76 di Messi, o perfino ai 16 di Pogba o di Thiago Silva, o perfino i 4 di Giovinco. Per i non addetti: Giovinco potrebbe al massimo andare a fare il giardiniere di Totti; Pogba e Thiago Silva sono ottimi giocatori (i campioni di cui parlavo) ma non sono dei fuoriclasse, e mai nella vita si sognerebbero un sesto della carriere e anche solo dei “numeri” che ha fatto Totti. Dunque: perché?

Per amore. Ma non quello verso la maglia, verso i tifosi, verso la città di Roma. C’era anche questo, senza dubbio, chi lo nega. Ma la vera ambizione, quella profonda e unica, la più potente, era un’altra: essere amati, avere un ruolo e un posto nel cuore della gente. Questo fanno i fuoriclasse autenticamente ambiziosi, gli uomini veri, fragili nelle loro straordinarie doti. Rinunciano ad alcune cose (cambiare squadra, vincere un mucchio di trofei, guadagnare sempre di più, essere conosciuti in tutto il mondo…) perché vogliono essere amati. Danno tutto, perdono molto, strapagano quell’amore, e fanno tenerezza da quanto spendono per averlo. Ma lo fanno.

La storia di Totti è bellissima. E lo è per un motivo molto semplice: di solito chiunque strapaghi per l’amore che cerca, non lo ottiene. Francesco Totti c’è riuscito. La vita è così crudele, sempre, che più spendi, più ti sacrifichi in cerca di quell’amore, e meno te lo dà. Il calcio, con tutte le sue contraddizioni e le sue storture (forse dovrei dire: lo sport…) è ancora una delle cose più umane del mondo. Perché sa ancora offrire quell’amore a chi sia davvero un talento, a chi lo cerchi davvero, a chi sia davvero disposto a scegliere di immolare quasi tutto quel che un fuoriclasse, generalmente, mette invece a frutto. La prova è che nessuno ama Ronaldo, Messi, Ibraimovich.

Il suo “ho paura” del discorso di addio letto all’Olimpico domenica 28 maggio, è la prova di tutto quel che sto scrivendo. Nell’infinita umiltà tipica di chi cerca amore e si danna e fatica e si consuma in ogni modo conosciuto per garantirselo, Totti ora ha paura. Paura che senza poter mostrare il suo smisurato talento ogni domenica, senza far sognare i tifosi con la sua eccellenza, quell’amore svanirà. Come tutti gli umili cercatori d’amore, pensa che senza dare, non avrà più. C’è una frase minima, nel suo discorso dell’altra sera, che forse pochi avranno notato, ma che la dice lunga su tutto questo: Totti se la sta prendendo comoda nel fare il suo discorso, è emozionato, deve leggere la lettera, ma sta tergiversando. A un certo punto se ne rende conto e dice: “Vado (nel senso di: “inizio”, ndr), sennò si fa troppo tardi, c’avete fame”. Se ci pensate è terribile quella frase. Lui sta abbandonando il calcio, è il momento tragico in cui la sua ricerca di amore entra in crisi, finisce. Un lutto. Ha paura. E la gente (lui pensa) vuole andare a mangiare, dunque si preoccupa di una cosa minima, irrilevante, invece che patire, gioire, celebrare con lui. Di questo è convinto il fuoriclasse-cercatore-d’amore: che alla gente non freghi che poco o nulla di lui, nonostante tutto quel che ha ricevuto dal suo straordinario impegno e talento. E infatti, subito dopo, forse per la prima volta, non ce la fa, e si confessa: “Io starei qua altri 25 anni…”. Notate: non qui a giocare, ma qui nel momento di massima espressione dell’amore.

Molto ci sarebbe da dire, evidentemente. Ma basta così. La storia di Totti è una bella, crudele storia d’amore, per una volta, tuttavia, finita bene. Per quanta paura possa avere Francesco, credo che si sbagli. Nessuno lo dimenticherà. Ma lui fa bene ad avere paura. Di solito le cose vanno diversamente…

Discorso d’addio alla carriera di Francesco Totti:
Best goal ever by Francesco Totti:

(Breve nota personale, di ordine estetico-filosofico: ho sempre amato Francesco Totti perché faceva un uso smodato del pallonetto. Il pallonetto è il tiro a palombella beffardo e preciso che scavalca il portiere. Nessun calciatore al mondo ne ha mai fatto così tanti come lui. Il pallonetto è la supremazia dell’astuzia sulla forza, l’intelligenza che si fa gesto. È morbido, dilata il tempo dell’emozione del goal, fa di velluto la corazza dura del tiro, dunque è come l’umorismo, che mentre ti fa ridere ti fa piangere, parola invece di urlo, sguardo invece di schiaffo. Io sono sempre stato con Ulisse, non con Achille. L’Odisseo, di fronte al portiere troiano nel derby balcanico-anatolico, avrebbe fatto certamente una finta, forse avrebbe guardato di lato per disorientarlo, e poi lo avrebbe superato con un lentissimo pallonetto centrale).



La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15067
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda ygghur » martedì 6 giugno 2017, 16:51

carlomatt ha scritto:Su "Il fatto quotidiano" ho trovato un bell'articolo su Totti, leggermente diverso dai soliti, vale la pena perderci un paio di minuti.

Totti: solo per amore. Attenzione però, non quello che pensate voi

di Simone Perotti | 1 giugno 2017

Prima di leggere queste righe dovreste vedere i due video linkati in fondo al testo. Vi avvicinereste allo stato d’animo giusto per seguire queste poche parole. Che però sono necessarie. Direi, perfino, doverose. Non c’entra niente che amiate il calcio o no, come non dovete necessariamente ammirare la boxe per amare e soprattutto comprendere la storia di Muhammad Alì, o la vela per sognare con quella di Bernard Moitessier, o l’atletica per emozionarvi con Pietro Mennea e ci aggiungerei perfino altre storie, che so già che farebbero arricciare il naso, come Mujica, Guevara e molti altri. Seguitemi, non cominciate a pensare: sto parlando dell’emozione delle storie. Penserete dopo, se vorrete. La storia ha a che fare con il talento e con le scelte. Dunque, dal mio punto di vista, con l’ambizione: quella vera, santa, buona, cioè l’ambizione di essere amati generando emozione, che spinge i cuori veri e puri a immolarsi (senza neppure dover morire, per altro). Seguitemi.

Nel calcio esistono i buoni calciatori; poi ci sono i campioni; poi ci sono i fuoriclasse. Questi ultimi associano talento, fisico, voglia di vincere, cervello, umiltà. Per questo sono fuoriclasse. Ne nascono pochissimi, in relativo sul numero degli atleti. Fanno cose speciali, con una naturalezza disarmante. La sorte ha dato loro un dono inestimabile, possono avere tutto, chiedere qualunque cosa e l’avranno. E loro che fanno? Ma fanno quel che tutti noi facciamo! Scelgono. Onore, gloria, trofei, soldi… oppure, qualcos’altro.

Francesco Totti l’ho visto giocare molte volte. Valeva il prezzo del biglietto da solo, anche se era della squadra avversaria, come nel mio caso. Mai sono uscito dallo stadio senza dire: “Accidenti, ma hai visto cosa ha fatto Totti?!” e lo dicevo con l’ammirazione più pura, e anche con una domanda inespressa, che restava dentro di me: “Perché?”. Perché un fuoriclasse come lui non aveva cambiato squadra capitalizzando la sua fama di asso del calcio? Ha rifiutato molte offerte, le migliori! Perché non ha cercato squadre che potessero valorizzare il suo talento più della Roma, quelle con soldi a palate, dove giocano solo i migliori, e che finiscono sempre prime in ogni competizione? Perché non ha capito che se avesse giocato nel Real, nel Milan di qualche anno fa, nella Juve, sarebbe stato titolare per 20 anni nella nazionale italiana, vincendo forse due o tre mondiali? Non che guadagnasse poco, Totti: 2,5 milioni l’anno, ma niente rispetto ai 78 di Ronaldo, ai 76 di Messi, o perfino ai 16 di Pogba o di Thiago Silva, o perfino i 4 di Giovinco. Per i non addetti: Giovinco potrebbe al massimo andare a fare il giardiniere di Totti; Pogba e Thiago Silva sono ottimi giocatori (i campioni di cui parlavo) ma non sono dei fuoriclasse, e mai nella vita si sognerebbero un sesto della carriere e anche solo dei “numeri” che ha fatto Totti. Dunque: perché?

Per amore. Ma non quello verso la maglia, verso i tifosi, verso la città di Roma. C’era anche questo, senza dubbio, chi lo nega. Ma la vera ambizione, quella profonda e unica, la più potente, era un’altra: essere amati, avere un ruolo e un posto nel cuore della gente. Questo fanno i fuoriclasse autenticamente ambiziosi, gli uomini veri, fragili nelle loro straordinarie doti. Rinunciano ad alcune cose (cambiare squadra, vincere un mucchio di trofei, guadagnare sempre di più, essere conosciuti in tutto il mondo…) perché vogliono essere amati. Danno tutto, perdono molto, strapagano quell’amore, e fanno tenerezza da quanto spendono per averlo. Ma lo fanno.

La storia di Totti è bellissima. E lo è per un motivo molto semplice: di solito chiunque strapaghi per l’amore che cerca, non lo ottiene. Francesco Totti c’è riuscito. La vita è così crudele, sempre, che più spendi, più ti sacrifichi in cerca di quell’amore, e meno te lo dà. Il calcio, con tutte le sue contraddizioni e le sue storture (forse dovrei dire: lo sport…) è ancora una delle cose più umane del mondo. Perché sa ancora offrire quell’amore a chi sia davvero un talento, a chi lo cerchi davvero, a chi sia davvero disposto a scegliere di immolare quasi tutto quel che un fuoriclasse, generalmente, mette invece a frutto. La prova è che nessuno ama Ronaldo, Messi, Ibraimovich.

Il suo “ho paura” del discorso di addio letto all’Olimpico domenica 28 maggio, è la prova di tutto quel che sto scrivendo. Nell’infinita umiltà tipica di chi cerca amore e si danna e fatica e si consuma in ogni modo conosciuto per garantirselo, Totti ora ha paura. Paura che senza poter mostrare il suo smisurato talento ogni domenica, senza far sognare i tifosi con la sua eccellenza, quell’amore svanirà. Come tutti gli umili cercatori d’amore, pensa che senza dare, non avrà più. C’è una frase minima, nel suo discorso dell’altra sera, che forse pochi avranno notato, ma che la dice lunga su tutto questo: Totti se la sta prendendo comoda nel fare il suo discorso, è emozionato, deve leggere la lettera, ma sta tergiversando. A un certo punto se ne rende conto e dice: “Vado (nel senso di: “inizio”, ndr), sennò si fa troppo tardi, c’avete fame”. Se ci pensate è terribile quella frase. Lui sta abbandonando il calcio, è il momento tragico in cui la sua ricerca di amore entra in crisi, finisce. Un lutto. Ha paura. E la gente (lui pensa) vuole andare a mangiare, dunque si preoccupa di una cosa minima, irrilevante, invece che patire, gioire, celebrare con lui. Di questo è convinto il fuoriclasse-cercatore-d’amore: che alla gente non freghi che poco o nulla di lui, nonostante tutto quel che ha ricevuto dal suo straordinario impegno e talento. E infatti, subito dopo, forse per la prima volta, non ce la fa, e si confessa: “Io starei qua altri 25 anni…”. Notate: non qui a giocare, ma qui nel momento di massima espressione dell’amore.

Molto ci sarebbe da dire, evidentemente. Ma basta così. La storia di Totti è una bella, crudele storia d’amore, per una volta, tuttavia, finita bene. Per quanta paura possa avere Francesco, credo che si sbagli. Nessuno lo dimenticherà. Ma lui fa bene ad avere paura. Di solito le cose vanno diversamente…

Discorso d’addio alla carriera di Francesco Totti:
Best goal ever by Francesco Totti:

(Breve nota personale, di ordine estetico-filosofico: ho sempre amato Francesco Totti perché faceva un uso smodato del pallonetto. Il pallonetto è il tiro a palombella beffardo e preciso che scavalca il portiere. Nessun calciatore al mondo ne ha mai fatto così tanti come lui. Il pallonetto è la supremazia dell’astuzia sulla forza, l’intelligenza che si fa gesto. È morbido, dilata il tempo dell’emozione del goal, fa di velluto la corazza dura del tiro, dunque è come l’umorismo, che mentre ti fa ridere ti fa piangere, parola invece di urlo, sguardo invece di schiaffo. Io sono sempre stato con Ulisse, non con Achille. L’Odisseo, di fronte al portiere troiano nel derby balcanico-anatolico, avrebbe fatto certamente una finta, forse avrebbe guardato di lato per disorientarlo, e poi lo avrebbe superato con un lentissimo pallonetto centrale).





Fa piacere sapere che anche quelli del Fatto, quando non rimestano la merda, siano capaci di scrivere un bell'articolo. Se prima amavo Totti per molte ragioni, adesso se ne sono aggiunte alter, tutte umanissime, quell suo "ho paura" mette veramente I brividi, perché é evidentemente sincerissimo, lui non sa davvero ancora bene cosa fare, non sa vedersi fuori dall'essere il Totti che é sempre stato. E pensare che certi piccolo uomini, pseudo-romanisti, lo hanno accusato di traccheggiare e fare il male della Roma quasi per vanitá. Ancora oggi a Pallotta che sbrigativamente gli consiglia di fare il manichino per la Roma, risponde che non ha ancora neanche deciso di appendere le scarpe al chiodo. Se avessi la ventura di parlarci, gli direi di non avere mai piú niente a che fare con questa presidenza di merda.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9303
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda caligola » martedì 6 giugno 2017, 17:43

E che cosa gli avrebbe fatto di male questa dirigenza a parte fargli un contratto da giocatore fino a 41 anni?

Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk
"Io prendo la mia preda, la colloco qui, mi reco in posti solitari, a cooontatto con la naturaaaa, la distendo su queste morbide poltronee... e pò ma' n'groppo! Alé, sotto un'altra!"
Avatar utente
caligola
Moderatore
 
Messaggi: 6712
Iscritto il: domenica 10 luglio 2005, 14:16
Località: Legio V Gaunica Auxiliares

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda agente19 » martedì 6 giugno 2017, 21:56

caligola ha scritto:E che cosa gli avrebbe fatto di male questa dirigenza a parte fargli un contratto da giocatore fino a 41 anni?

Inviato dal mio SM-G900F utilizzando Tapatalk


Lascia perdere, come ogni tanto gli succede delira! :lol: :lol: :lol:
Agente19
Paolo Lorenzini
Avatar utente
agente19
Mago del forum
 
Messaggi: 4270
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2005, 7:36
Località: Castellina in Chianti

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda ygghur » mercoledì 7 giugno 2017, 10:30

Non so se siete piú distratti o malfidati, ma a parte il doverosissimi contratti (guadagnati sul campo e a furor di popolo), quale spesse fette di prosciutto sugli occhi e tappi nelle orecchie per non vedere/sentire le umiliazioni che sono state inferte a Totti dal giorno zero di questa presidenza? Cominció Baldini, prima di arrivare, a dargli del pigro ed alter simpaticherie, continuó Sabatini prendendolo per il culo e prefigurando un fine carrier molto piú ravvicinato di quello che poi é accaduto. Non parliamo poi dei toni di sufficienza con cui Pallotta lo ha sempre trattato, che se non fosse per il fatto che il suo merchandising va alla grande, avrebbe fatto di tutto e di piú per sfancularlo prima, vedrete che adesso gli fará un'offerta fatta apposta per essere rifiutata (a meno che Monchi non abbia veramente voce in capitol e idee diverse, come detto ufficiosamente). Non pensate anche voi pallottiani che sarebbe stata una bella e giusta mossa, da parte del vostro amato president, presentarsi il giorno di Roma-Genoa dicendo parole importanti su Totti e dandogli un contratto in bianco su cui lui doveva solo scrivere quello che voleva fare?
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9303
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda agente19 » sabato 10 giugno 2017, 0:12

ygghur ha scritto:Non so se siete piú distratti o malfidati, ma a parte il doverosissimi contratti (guadagnati sul campo e a furor di popolo), quale spesse fette di prosciutto sugli occhi e tappi nelle orecchie per non vedere/sentire le umiliazioni che sono state inferte a Totti dal giorno zero di questa presidenza? Cominció Baldini, prima di arrivare, a dargli del pigro ed alter simpaticherie, continuó Sabatini prendendolo per il culo e prefigurando un fine carrier molto piú ravvicinato di quello che poi é accaduto. Non parliamo poi dei toni di sufficienza con cui Pallotta lo ha sempre trattato, che se non fosse per il fatto che il suo merchandising va alla grande, avrebbe fatto di tutto e di piú per sfancularlo prima, vedrete che adesso gli fará un'offerta fatta apposta per essere rifiutata (a meno che Monchi non abbia veramente voce in capitol e idee diverse, come detto ufficiosamente). Non pensate anche voi pallottiani che sarebbe stata una bella e giusta mossa, da parte del vostro amato president, presentarsi il giorno di Roma-Genoa dicendo parole importanti su Totti e dandogli un contratto in bianco su cui lui doveva solo scrivere quello che voleva fare?


Assolutamente no, perché Totti avrebbe voluto giocare ancora e purtroppo non è più un giocatore da serie A. Non so se te ne sei accorto ma nei 40 minuti contro il Genoa l'unica cosa buona che ha fatto è stare gli ultimi due minuti della partita con il pallone al calcio d'angolo, per il resto una serie di passaggi sbagliati, palle perse e colpi di tacco non riusciti.
Se Pallotta aveva le palle faceva smettere Totti un anno prima, così che lui finiva in bellezza e sulla panchina della Roma c'era ancora Luciano Spalletti e forse ci risparmiavamo una stagione di fracassamento di palle da parte dei giornalisti.
Agente19
Paolo Lorenzini
Avatar utente
agente19
Mago del forum
 
Messaggi: 4270
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2005, 7:36
Località: Castellina in Chianti

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda ygghur » lunedì 12 giugno 2017, 10:24

Naturalmente io intendevo in ambito societario. A me sembra deludente se non inquietante, che ancora nessuno si sia degnato di convocare Totti per chiarire il future, esiste un vecchio accordo che nessuno puó ignorare, ma é chiaro che in realtá é come se non esistesse. Facile interpretare l'assordante silenzio della societá come una volontá di lasciare tempo a Totti per trovarsi qualcosa fuori dalla Roma e dare la "colpa" a lui del divorzio. Anche un bambino di 6 anni capirebbe che se Pallotta avesse voluto dargli il ruolo che gli spetta lo avrebbe giá fatto, per cui trarre le conclusioni é sin troppo facile. Tu stai con Pallotta, io con Totti, ai posteri decidere quali delle due posizioni é piú da romanista.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9303
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda carlomatt » lunedì 12 giugno 2017, 11:08

A me pare invece che Pallotta abbia dato mano libera a Totti su cosa fare da "grande". E che Totti invece non mi pare lo abbia ancora deciso. Monchi (che se non sbaglio lavora per la Roma di Pallotta) gli ha proposto di fare il suo vice in modo che Totti possa addentrarlo al mondo romanista ed in cambio gli insegna a fare il dirigente: ti risulta che Totti gli abbia dato una risposta ufficiale?
Lui si sente ancora giocatore, ma puoi sentirti giocatore importante nel campionato degli emirati arabi o nella serie B americana?
La stupidità degli altri mi affascina. Ma preferisco la mia.
Avatar utente
carlomatt
Amministratore
 
Messaggi: 15067
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2004, 11:58
Località: Aurelia Valley

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda ygghur » lunedì 12 giugno 2017, 11:45

carlomatt ha scritto:A me pare invece che Pallotta abbia dato mano libera a Totti su cosa fare da "grande". E che Totti invece non mi pare lo abbia ancora deciso. Monchi (che se non sbaglio lavora per la Roma di Pallotta) gli ha proposto di fare il suo vice in modo che Totti possa addentrarlo al mondo romanista ed in cambio gli insegna a fare il dirigente: ti risulta che Totti gli abbia dato una risposta ufficiale?
Lui si sente ancora giocatore, ma puoi sentirti giocatore importante nel campionato degli emirati arabi o nella serie B americana?


Le cose non stanno proprio come dici tu, per come la vedo io. Monchi, che lavora per Pallotta ma non é plenipotenziario, ha GENERICAMENTE detto quello che ha detto sul ruolo di Totti, ma non lo ha convocato UFFICIALMENTE per discutere dei particolari o anche semplicemente per formulare la vera e propria offerta. Lo ripeto: a voi sembra davvero cosí strano che Totti chieda rispetto, che tradotto non significa continuare a giocare a tutti I costi ma ricevere una VERA e PRECISA offerta in maniera PROFESSIONALE. Dopo 25 anni con la Roma sulle spalle, io credo che meriti questo ed altro, soprattutto sinceritá assoluta.
Avatar utente
ygghur
Mago del forum
 
Messaggi: 9303
Iscritto il: martedì 12 luglio 2005, 18:02
Località: Roma/Alberone

Re: Le parole di Totti su Facebook

Messaggioda agente19 » lunedì 12 giugno 2017, 22:25

ygghur ha scritto:cose non stanno proprio come dici tu, per come la vedo io. Monchi, che lavora per Pallotta ma non é plenipotenziario, ha GENERICAMENTE detto quello che ha detto sul ruolo di Totti, ma non lo ha convocato UFFICIALMENTE per discutere dei particolari o anche semplicemente per formulare la vera e propria offerta. Lo ripeto: a voi sembra davvero cosí strano che Totti chieda rispetto, che tradotto non significa continuare a giocare a tutti I costi ma ricevere una VERA e PRECISA offerta in maniera PROFESSIONALE. Dopo 25 anni con la Roma sulle spalle, io credo che meriti questo ed altro, soprattutto sinceritá assoluta.


Ma te scrivi queste cose sperando che Totti le legga e ti sganci qualche migliaio di euro?
No perché ti stai facendo dei film veramente assurdi.
Totti se vuole fare il dirigente della Roma può presentarsi in qualsiasi momento a Trigoria e ci sarà sempre qualcuno ad accoglierlo.
Non è necessario fare tutto e subito e giustamente Pallotta gli ha consigliato di fare una bella vacanza per poi rivedersi a bocce ferme.
Come ti ha detto Carlo in società hanno già fatto la loro proposta, adesso sta a lui decidere se accettarla, se fare una controproposta o se andare a fare il fenomeno da baraccone in campionati assurdi (cosa che penso Francesco non abbia nemmeno preso in considerazione ma che gente come te e i pennivendoli spera accada per sputare ancora merda sulla A. S. Roma!)
Agente19
Paolo Lorenzini
Avatar utente
agente19
Mago del forum
 
Messaggi: 4270
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2005, 7:36
Località: Castellina in Chianti

PrecedenteProssimo

Torna a La Roma

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron